23 giugno 2011

Le persone non sono miniere

È proprio il concetto alla base ad essere sbagliato, quello di "prendere". Non si possono (o meglio, non si dovrebbero) trattare le persone come miniere, come giacimenti di materie prime da sfruttare: si estrae quello che si può e si vuole estrarre e poi si abbandona il terreno, sfregiato, ferito, sconvolto, spogliato.

Tutto ciò è aberrante ed ancora più osceno quando lo si fa con "l'innocente" convinzione che comportarsi così non solo sia un piacere che reca vantaggi, ma, alla luce dell'augusto, irrinunciabile imperativo "ogni lasciata è persa", che sia anche giusto e doveroso.

Ancora una volta, mi schifo dell'egoismo delle persone.

Posta un commento