04 febbraio 2012

I panda sono attivi comunicatori interculturali

Stamattina, attraverso una dinamica di gruppo, dividendoci in ingegneri stranieri, derdiani (una misteriosa popolazione indigena) e osservatori, i nostri formatori ci hanno introdotto al tema della comunicazione multiculturale. 


Il tema in realtà è molto complesso, è uno dei punti chiave di quella che sarà l'esperienza di noi serviziocivilisti all'estero, ma in questo post la prenderò con la leggerezza che ha contraddistinto anche gli altri ;) 

Dopo aver cercato di capire insieme i modi più rispettosi ed efficaci di rapportarsi all'altro, Anna Pozzi ci ha parlato dell'importanza della comunicazione e soprattutto del ruolo di responsabilità che, nel nostro piccolo, abbiamo in questo campo: diventare agenti che promuovono la creazione di una pluralità di centri di comunicazione, cercando di contribuire a riempire un po' quei buchi neri dell'informazione dove il "sud del mondo" (ma anche molte notizie riguardanti l'Italia e l'Europa che vengono considerate "non rilevanti") scompare.

Per adesso, faccio la mia parte scrivendo queste poche righe e mantendo le mie relazioni interpersonali attraverso intense sessioni di biliardino, che è diventato il mio principale strumento di socialità :D

Per quanto riguarda la multicuralità, aspetto di essere a Lima.

Stay tuned.
Posta un commento